I designer francesi raccontati da TRJ per l'architettura

La Francia e il Design: un connubio che è quasi naturale, patria delle rivoluzioni, dell’eleganza e della ricercatezza, una grande capacità di rilettura dei grandi classici con una evidente nota di creatività. Una generazione di designer che sta scandendo il tempo di questo secolo, dando nuova linfa alle radici culturali francesi dell’interior design.

Ronan & Erwan Bouroullec

Perché possa nascere qualcosa di bello occorrono due cose, la verità della vita quotidiana, che smussa gli spigoli dell’egocentrismo, e una certa bruttezza, vera anche quella. Fedeli a queste due coordinate, Ronan ed Erwan Bouroullec, da un quarto di secolo l’anima più delicata e poetica del design europeo, come ricordano le mostre di Rennes e Tel Aviv, hanno scelto di lavorare nell’ultimo quartiere popolare di Parigi, Belleville, lontano dalle terraces alla moda e dai turisti.

Ronan è il più grande, classe 1971, mentre Erwan nasce 5 anni più tardi. A guardarli si direbbero gemelli eppure chi li ha conosciuti dice che da un punto di vista caratteriale sono come il giorno e la notte.
Nelle interviste che hanno rilasciato si intuisce chiaramente che quello che li unisce è l’etica del lavoro, la ricerca continua della perfezione, mentre quello che li divide sono proprio le reciproche personalità, grazie alle quali però si mantiene una costante tensione dialettica all’interno della coppia.

Nella loro carriera Ronan & Erwan Bouroullec hanno dimostrato di essere versatili e coraggiosi, impegnandosi in progetti di ogni tipo e scala di grandezza. I loro lavori fanno parte delle collezioni permanenti di musei di fama mondiale come il Musée National d’Art Moderne – Centre Pompidou (Parigi), il Museum of Modern Art di New York, l’Art Institute di Chicago, il Design Museum di Londra.
Il segno distintivo nella visione dei Bouroullec è proprio la capacità di infondere una segreta linfa naturale alle forme.

Patrick Norguet

illustra in modo appropriato la definizione del designer. È principalmente al centro di un collettivo e innovativo, è uno dei protagonisti del progetto.
Il designer francese, nel 2000 fonda il proprio studio di progettazione; oggi lavora fra industrial e interior design, dedicandosi anche agli stands per Van Cleef e Renault.

Nominato “Designer dell’Anno” nel 2005, Norguet fa parte di quella generazione che sta facendo conoscere sulla scena internazionale il “french touch”; con i suoi progetti interpreta al meglio l’unione fra moda e design che Cappellini ha sempre teorizzato, creando prodotti della massima visibilità per entrambi i settori, ricercando sempre l’innovazione con la massima semplicità.

Per Aziende come Cappellini, ama lavorare sulle emozioni e sull’intuizione, posando lo sguardo sugli oggetti in modo differente e tenendo in considerazione il contesto in cui si trovano.
Alcuni suoi lavori fanno parte delle collezioni permanenti di prestigiosi musei, come ad esempio il Museum of Modern Art di New York.

Ora ïto

Un fenomeno nella cultura pop, è il più giovane designer della sua generazione a collaborare con gioielli di beni di lusso e industria, dopo l’enorme successo acclamato della sua bottiglia Heineken in alluminio. Cassina, Cappellini, Bouygues, Alstom, Laguiole, Zanotta e Accor apprezzano molto il suo design scultoreo che è diventato un segno di modernità.

Una metodologia tenace per la quale ha inventato un neologismo: la semplicità, la decodifica del DNA di oggi per concettualizzare le mutazioni future. Il suo fluido vocabolario materializza il movimento reinventando la razionalizzazione nell’era digitale e dando forma ai desideri della nostra società contemporanea.

Nel 2013 ha creato MAMO, un centro d’arte sulla terrazza sul tetto della mitica Cité Radieuse progettata da Le Corbusier a Marsiglia. Un luogo storico e contemporaneo in alto nel cielo, con una vista a 360 ° che riassume la sua passione per la levitazione e la leggerezza, “Sfidare le leggi della gravità crea sensazioni che vanno oltre l’estetica.” Sono esposti i più grandi artisti contemporanei da Xavier Veilhan a Dan Graham lì prima che Ito inauguri una collaborazione architettonica con Daniel Buren, il maestro dell’arte concettuale francese.
Mamo centro d'arte sul tetto Citè Radieuse

Ora ïto ora attira colpisce i media e i grazie alla sua influenza diventa un attore unico nel campo del design internazionale. Wallpaper lo ha classificato tra i 40 migliori designer più influenti sotto i 40 anni. È stato nominato Chevalier des Arts et des Lettres nel 2011.

Jean-Marie Massaud

Dall’inizio della sua carriera (diplomato nel 1990 all’ENSCI-Les Ateliers di Parigi, Paris Design Institute), ha lavorato su una vasta gamma di opere, che vanno dall’architettura agli oggetti, dal progetto unico al seriale quelli, dall’ambiente macro fino ai micro contesti.

la sua ricerca di leggerezza – in sostanza – sintetizza tre interessi più ampi: realizzazione individuale e collettiva, efficienza economica e industriale e preoccupazioni ambientali. “Sto cercando di trovare un percorso onesto e generoso con l’idea che, da qualche parte tra i dati economici difficili, ci siano utenti. Persone.”

Le sue creazioni, sia speculative che pragmatiche, esplorano questo paradigma imperativo: conciliare piacere e responsabilità, individuo con collettivo.

Quando è stato chiesto di immaginare un nuovo stadio per la città di Guadalajara, in Messico, che è riunito, tempo libero e cultura, integrato in un vasto programma di sviluppo urbano che appassiona gli appassionati e i cittadini locali. Invece di impiantare uno stadio, ha proposto un ambiente. Il progetto è nato nel luglio 2011.

Philippe Starck

Nato a Parigi, è considerato tra i più importanti designers europei. Philippe Starck lavora anche come architetto progettando locali in tutto il mondo.

Mentre studia al Notre Dame of Saint Croix in Neully, crea una società di strutture gonfiabili finanziata dall’attore francese Lino Ventura. Nel 1970 crea il sistema luminoso “Easy Light”, prima delle sue realizzazioni ad essere edita. Nel 1981, l’incontro con Jean- Louis Costes, permette a Starck di concepire, tre anni dopo la ristrutturazione del famoso Café Costes, in Place des Innocents, nella prima circoscrizione di Parigi.

Geniale autodidatta, l’uomo che ha in definitiva creato il design francese (prima di lui non vi erano grandi nomi in questo settore), ha detto di se stesso e della sua formazione:

“… mio padre era un inventore, disegnava aerei e la sola eredità che mi ha lasciato non è stata una grande somma di danaro, come generalmente avviene con l’aviazione – per me è stato il contrario – ma mi ha lasciato l’idea che uno dei mestieri più belli che si possa fare è un mestiere creativo.
Con la creazione si può effettuare una ricerca interiore e lavorare su sé stessi. E creando degli aerei, mi ha insegnato delle cose preziose: per far volare un aereo occorre crearlo, ma per non farlo cadere occorre essere rigorosi”.